Chiesa di San Martino a Este

Este

Chiesa di San Martino a Este

La Chiesa di San Martino a Este è l’edificio religioso più antico della città murata. I primi documenti che attestano la sua presenza risalgono all’inizio del XI secolo, ma probabilmente la sua fondazione è di molto antecedente: alcuni studiosi la collocano in età longobarda o carolingia per la titolazione a San Martino di Tours, vescovo francese vissuto nel VI secolo d.C.. Nonostante alcune modifiche eseguite nel corso dei secoli, l’edificio ha conservato quasi integralmente la sua struttura medievale. Rispetto alla costruzione originaria, la parte absidale è stata ampliata all’inizio del ‘300, inglobando l’attigua chiesetta di San Lorenzo, mentre nel ‘600 il corpo centrale della chiesa è stato allungato di circa 4 mt spostando la facciata verso ovest e suddividendo lo spazio interno in tre navate, inglobando il campanile. La facciata a capanna denota lo stile architettonico prettamente romanico e nella struttura dell’abside, composta da un tamburo cilindrico con cupola emisferica e tetto a cono, si riscontrano caratteristiche costruttive molto simili a quelle presenti nella basilica di Sant’Antonio a Padova. Elemento distintivo della chiesa di San Martino è il campanile pendente, che risulta essere anche la struttura più antica dell’intero monumento. La torre campanaria, alta circa 23 mt., presenta una forte pendenza che si era già manifestata nel 1400, ma che non ha mai compromesso la sua staticità. Sul un lato del campanile è posta un’iscrizione gotica che celebra la figura del santo a cui è titolata la chiesa e riporta l’anno di riedificazione dell’edificio, il 1293.

All’interno della Chiesa di San Martino a Este sono conservate alcune opere d’arte degne di nota: nella cappella maggiore l’altare settecentesco in marmo con tabernacolo e due sculture di Angeli di Antonio Bonazza, nella cappella di San Lorenzo un prezioso affresco trecentesco di scuola giottesca con “Gesù crocefisso tra Maria e San Giovanni”, lungo la parete destra della navata i resti di un trittico raffigurante la Madonna con Bambino, San Pietro e altri santi e un frammento di affresco con la Crocifissione di S. Margherita d’Antiochia. Sulla navata sinistra è collocato l’altare cinquecentesco in marmi policromi della famiglia Rota, che originariamente era intitolato a Santo Stefano; all’interno delle nicchie erano collocate tre statue, quelle raffiguranti San Rocco e San Sebastiano si trovano ora nel Museo Nazionale Atestino. Nella predella sopra l’altare sono scolpite le storie dei tre santi, da sinistra: “San Rocco catturato e condotto in carcere”, “Santo Stefano trascinato nel sinedrio” e “Martirio di San Sebastiano”. La chiesa di San Martino fa oggi parte della parrocchia della Basilica di S.M. delle Grazie.

Info
Via San Martino 1, Este (PD)
Tel +39 0429 2151
info@santamariadellegrazieeste.it

  Article added to favorites