Villa Garzoni a Pontecasale

Candiana

Villa Garzoni a Pontecasale

Villa Garzoni Michiel (Renier Carraretto) fu costruita per ordine di Alvise Garzoni dopo il 1527 su progetto di Jacopo Sansovino all’interno di una vasta pianura bonificata dagli stessi proprietari. La famiglia Garzoni si rivolse al Sansovino perché questi desse lustro, con l’edificazione di una dimora, alla questa sua impresa di prosciugamento e bonifica di gran parte della zona paludosa che circondava Pontecasale (frazione di Candiana). La Villa è circondata da una lunga cinta muraria che racchiude al suo interno il fabbricato, le scuderie e i terreni: un’imponente cancellata sulla strada principale apre un viale che accompagna fino alla scalinata che conduce all’ingresso della Villa. Il prospetto principale della villa è caratterizzato dall’ariosità del portico a cinque arcate, cui corrispondono altrettante aperture nella loggia soprastante. Dietro il piano di facciata, una folta schiera di archi, che si ripetono in profondità, determina un cannocchiale prospettico che termina nella campagna. Sul fianco si possono ammirare lunghe barchesse, il parco e una piccola cappella che custodisce stucchi disegnati dallo stesso Sansovino. La forma del cortile, ma soprattutto le arcate nella facciata, fanno entrare per la prima volta la classicità nell’architettura rurale del Veneto costituendo l’antecedente diretto delle ville del Palladio dopo il 1550. Dopo essere passata ai Michiel, la villa appartiene dal Giugno 2012 alla famiglia padovana dei Carraretto.

  Article added to favorites