Chiesa di Santa Giustina a Pernumia

Pernumia

Chiesa di Santa Giustina a Pernumia

La Chiesa di Santa Giustina a Pernumia ha una storia antichissima: fondata probabilmente nel V-VI secolo con la diffusione del culto di Santa Giustina vergine e martire, fu riedificata in bello stile romanico nel 1150 con proporzioni modeste (5 m. di larghezza e 30 m. di lunghezza) e murature in cotto e macigno. Aveva tre navate divise da colonne in mattoni e doveva essere bassa se si considera che il suo campanile era di appena 15 m. d’altezza (un lato di questo campanile è ancora riconoscibile nella muratura all’altezza della soffitta). L’ altare maggiore era rivolto ad oriente e di conseguenza la facciata era a occidente (ruotata di 180° rispetto all’ edificio attuale). Questa posizione della chiesa, essendo nel tempo mutato l’aspetto del paese, era divenuta anacronistica e si portò quindi la facciata a levante e i lavori iniziarono nel 1747. La povertà delle risorse fece la sua parte, sacrificando il completamento della facciata, che rimase per un secolo ancora in mattoni ed ancora per lo stesso motivo fece allora conservare il vecchio campanile incorporato nella nuova facciata. La nuova torre campanaria fu eretta tra il 1816 e il 1839, prima del completamento della facciata della chiesa, avvenuto tra il 1845 e il 1847. Nel 1972 il sagrato ha avuto una radicale sistemazione con la posa di pietre in trachite (di provenienza dei cortili delle case di campagna) con disegno di fasce bianche di pietre d’Istria convergenti all’ingresso della chiesa. Il 6 luglio 1998 furono iniziati i lavori di ristrutturazione del pavimento i quali hanno restituito, in maniera del tutto inaspettata, le vestigia dell’antico edificio insieme a reperti riferibili all’epoca di cristianizzazione del territorio. Sono state ritrovate le fondamenta della chiesa risalente alla metà del 1100 ed inoltre, sono riemerse alcune tombe che contenevano resti mortali e un basamento di colonna dell’antica chiesa. Per fare ammirare questa pieve sotterranea si è pensato di creare una sorta di “Percorso Museale Archeologico della Chiesa Arcipretale di Santa Giustina a Pernumia”. Attraverso una scala accanto all’entrata della chiesa si può accedere ad un vano alto circa 2.40 m. dove si trovava l’entrata della chiesa quattrocentesca. A sud dell’area presbiteriale antica è emerso un muro a meridione di cui si conserva il suo pavimento con tracce d’incendio , prova che c’era sicuramente una chiesa altomedievale precedente la basilica romanica, ciò e stato dedotto anche dal ritrovamento, sul muro di una rara moneta veneziana.

La Chiesa di Santa Giustina a Pernumia possiede un pregiato parapetto d’altare in marmo, lavoro del Bonazza, che vi scolpì in rilievo un miracolo di San Vincenzo Ferreri. All’interno del tempio, dietro l’ altare maggiore, vi è la pala raffigurante il Battesimo di S. Giustina datato 1595, opera di Polidoro da Porcia; ai lati del presbiterio Gesù e l’adultera di Luca Giordano e la cacciata di Adamo ed Eva dal Paradiso di Bernardo Strozzi.

Info
Via del Castello 1, Pernumia (PD)
Tel +39 0429 779048

  Article added to favorites