Torre della Catena a Padova

Padova

Torre della Catena a Padova

La Torre della Catena a Padova, conosciuta anche come Torre del Soccorso o Torre del Diavolo oppure come Torre del Boia, è un baluardo difensivo (originariamente formato da due alti muri paralleli) costruito in epoca carrarese tra il XII secolo ed il XIII secolo sulla fortificazione del Soccorso, che – collegata alla Cittadella Vecchia (attuale piazzetta Delia) – permetteva sortite di cavalleria. In età medievale dalla torre veniva calata una catena (da qui il nome Torre della Catena) che, collegata dalla parte opposta del canale alla scomparsa Porta della Saracinesca Vecchia, sbarrava il traffico fluviale regolando quindi l’accesso delle imbarcazioni nella città del Santo. Del muro verso il fiume si conserva ancora un tratto che si estende per una lunghezza di circa quaranta metri, alto poco più di un metro; l’altro tratto, alleggerito da due arcate aperte negli anni trenta del XX secolo, corre ad un’altezza di circa sei metri, per venti di lunghezza. Il cammino di ronda è accessibile dal primo piano della Torre, recuperata oggi in tutto il suo fascino da un accurato restauro. Inglobata in età rinascimentale nella cerchia muraria di Bartolomeo d’Alviano, fu poi denominata “del diavolo”, probabilmente per il sinistro aspetto che incuteva ai naviganti che entravano in città passandovi d’innanzi. Oggi la Torre della Catena si trova all’interno di una proprietà privata, ben visibile però dalla strada.

  Article added to favorites